C&P Adver
Grafica · Comunicazione · Web · Artwork
Dal 1986 lavoriamo per creare identità forti
Visita il sito C&P Adver
C&P Adver
Presentazioni dei libri, notizie, recensioni
Visita il blog Effigi

€ 11,40

12,00

5% di sconto Spedizione gratis

a cura di Luca Seravalle, Anna Bosco, Piergiorgio Zotti

1684 · Un maremmano all’assedio di Buda

2013

Prezzo
12,00 €
Collana
Genius Loci
Pagine
96
Formato
15,0 x 21,0 cm
Legatura
Brossura
ISBN
978-88-6433-293-2

Il “Turco” è alle porte dell’Europa. Le città sono a ferro e fuoco... Dalla biblioteca di Grosseto rispunta un antico diario dimenticato.

1684 · Un maremmano all’assedio di Buda

1684 · Un maremmano all’assedio di Buda

Vienna è liberata: la crociata continua

“Dopo la battaglia. O si vince, o si perde. Nella vittoria render grazie a Dio, seppellire i morti, pubblicar la vittoria, esagerarla, proseguirla, incalzar le reliquie dell’esercito battuto, nè dargli tempo di raccogliersi”.

Così, con cesariana stringatezza, il modenese Raimondo Montecuccoli feldmaresciallo dell’impero, prescriveva che ci si dovesse comportare dopo aver sbaragliato il nemico: perché una battaglia vinta è tanto più importante non quanto più alto è il numero dei nemici caduti, ma quanto migliori sono i risultati che si riesce a ricavarne. Ma, all’indomani della liberazione di Vienna, il 12 settembre del 1683, che in seguito all’arrivo delle truppe asburgo-imperiali comnadate da Carlo duca di Lorena e di quelle polacche guidate da re Giovanni III (che meglio forse conosciamo col nome di Jan Sobieski) era stata sgombrata da un assedio turco che ormai la cingeva da circa due mesi e l’aveva ridotta allo stremo, anche le truppe cristiane erano sfinite: non esistevano le energie e la volontà necessarie, e forse nemmeno le condizioni obiettive, per seguire le indicazioni del saggio feldmaresciallo.

Genius Loci

« | »