C&P Adver
Grafica · Comunicazione · Web · Artwork
Dal 1986 lavoriamo per creare identità forti
Visita il sito C&P Adver
C&P Adver
Presentazioni dei libri, notizie, recensioni
Visita il blog Effigi

€ 13,60

16,00

15% di sconto Spedizione gratis

Enzo Fazzi

Castel del Piano · La perla del Monte Amiata

2014

Prezzo
16,00 €
Collana
Genius Loci
Pagine
240
Formato
16,5 x 24,0 cm
Legatura
Brossura con alette
ISBN
978-88-6433-450-9

Una guida per chi voglia meglio conoscere e approfondire, da una parte le vicende che sono alla base dell’odierna crescita e sviluppo di Castel del Piano, dall’altra i principali Casati e i personaggi più significativi che hanno reso illustre il paese.

Castel del Piano · La perla del Monte Amiata

Castel del Piano · La perla del Monte Amiata

Origini, economia, casati

È la famosa metafora di L. Febvre, Gli archivi sono granai di fatti, che mi è subito venuta in mente leggendo questo libro. Un lavoro di metodo, in primis, dove le notizie ricavate da fonti di prima mano sono incrociate con la pubblicistica e poi verificate con ulteriori, scrupolose, “sedute” d’archivio. Ad essere studiato, forse per la prima volta in modo così sistematico, è soprattutto il corpus di Registri e carte conservato presso il fondo storico parrocchiale. Ma non si tratta solo dell’applicazione di un buon metodo. Con modestia l’autore apre il suo lavoro con il passo “niente, o quasi, di nuovo”. Sicuramente nuova è invece la puntualizzazione circa le origini di Castel del Piano e nuovissime, forse anche per gli stessi attuali discendenti, sono le genealogie che contribuiscono a dare corpo a nomi e personaggi entrati nell’immaginario collettivo dei ‘cioli’, ma raramente conosciuti in maniera approfondita. Nella seconda sezione, dedicata ai Casati, si aggiungono informazioni persino sulla già ampiamente nota dinastia dei Nasini. Anche i contenuti dunque si presentano ricchi di spunti interessanti, con l’autore che non rinuncia a mettere in evidenza, infine, anche una certa complessità della storia; complessità alla quale, a maggior ragione, nemmeno la microstoria può sfuggire. Con una sottolineatura delicata e leggera, egli colloca sullo sfondo, quasi a determinare una quinta su una scena in cui recitano protagonisti diversi, anche un’altra umanità: certo più umile, più silenziosa, sicuramente coraggiosa o addirittura eroica come la definì, a suo tempo, il prof. Ildebrando Imberciadori.

Stefania Ulivieri

Genius Loci

« | »