C&P Adver
Grafica · Comunicazione · Web · Artwork
Dal 1986 lavoriamo per creare identità forti
Visita il sito C&P Adver
C&P Adver
Presentazioni dei libri, notizie, recensioni
Visita il blog Effigi

€ 15,30

18,00

15% di sconto Spedizione gratis

a cura di Andrea Marzi, Lucia Carboni, Andrea Giovannoni

Ciak si gira · Psicoanalisi al cinema

2013

Prezzo
18,00 €
Collana
Cinema e psicoanalisi
Pagine
280
Formato
15,0 x 21,0 cm
Legatura
Brossura
ISBN
978-88-6433-305-2

Sia il cinema che la psicoanalisi sono diventati oggetti culturali di notevole popolarità; gli esperti, gli appassionati e i curiosi di queste due aree riconoscono ormai una naturale continuità tra di esse.

Ciak si gira · Psicoanalisi al cinema

Ciak si gira · Psicoanalisi al cinema

Questo libro, prodotto conclusivo dell’esperienza realizzata a Siena con il titolo Ciak si gira! per iniziativa del Centro Psicoanalitico di Firenze – sezione toscana della S.P.I – e della Associazione Senese di Psicoterapia Psicoanalitica, vuol dare testimonianza della fecondità di spunti che possono derivare dal rapporto fra Cinema e Psicoanalisi. Raccoglie le considerazioni dei relatori psicoanalisti che hanno commentato i 20 films presentati nel corso delle rassegne annuali (dal 2007 al 2011), aprendo alla discussione con il pubblico; presenta inoltre tre saggi introduttivi che analizzano la peculiare espressività artistica del prodotto cinematografico e raccontano come sia andato modificandosi nel tempo l’interesse per il cinema da parte delle discipline psicologiche, e della psicoanalisi in particolare, fino a riconoscere nel materiale iconico presentato dal film forti analogie con gli elementi proto-mentali, sia onirici sia della veglia, che attendono una elaborazione verso la pensabilità. Nella sala di proiezione si è andata così costituendo una triade i cui soggetti si sono trovati in relazione reciproca e complementare tra loro: il film, con il suo carico complesso di suggestioni, lo spettatore analista, libero dai vincoli del setting tipici del lavoro clinico, ma più incline di altri all’uso dell’introspezione, ed infine lo spettatore comune. L’esperienza d’alto valore relazionale che ne è conseguita sembra aver tratto arricchimento dal coinvolgimento emotivo condiviso e dalla sollecitazione reciproca a dare spazio a pensieri nascenti, possibilmente verbalizzabili.

Cinema e psicoanalisi

« | »