C&P Adver
Grafica · Comunicazione · Web · Artwork
Dal 1986 lavoriamo per creare identità forti
Visita il sito C&P Adver
C&P Adver
Presentazioni dei libri, notizie, recensioni
Visita il blog Effigi

€ 15,30

18,00

15% di sconto Spedizione gratis

Antonello Ricci

Giardino e morte del signor Palomar

2018

Prezzo
18,00 €
Collana
Davide Ghaleb Editore
Pagine
320
Formato
13,0 x 21,0 cm
Legatura
Brossura
ISBN
978-88-85261-23-5

 

Giardino e morte del signor Palomar

Giardino e morte del signor Palomar

A dispetto della sua forma che può sembrare una raccolta Giardino e morte si manifesta un telos (dal greco fine, scopo, obiettivo), che compatta i primi quattro pezzi (2017-18), così chiamati dall’autore perché nati da una sorta di crocevia tra ricerca sul campo critico e poesia-racconto.
I quattro brani Giardino e morte del signor Palomar, Kinski a Venezia, Rovine dal futuro, Ritorno a Sciangai utilizzano un metodo di metodo di scrittura-vampira: suzione e riscrittura di brani d’autore nonché trascrizione di schegge di parlato da film eccetera: operazione puntualmente condotta in versi, con esiti che si spingono ben oltre il collage. Con tratti di oltranza oltracotanza cannibalica.
Ciascun pezzo è naturalmente costituito da un’accordatura autobiografica che culmina, in maniera più forte, con l’ultimpo racconto.
Il volume ripropone, in contesto nuovo e inedito, il poemetto Il colombiano già uscito, era il 2011, per lo stesso editore quale libretto di sala per l’omonimo reading concerto (per la regia di Alfonso Prota).
Chiudono Giardino e morte, due pezzi riaffiorati dal cassetto degli inediti, datati entrambi al 2012: Le due città, un’invenzione dal vero della tormentata parabola creativa e di vita del pittore viterbese Carlo Vincenti, morto suicida nel 1978 e Intorno a questa tavola imbandita, un divertissement metapoetico che si articola in tre brevi monologhi-variazioni sul tema del pianto di Ulisse.
Il libro contiene anche delle immagini che cadenzano il volume: sono tratte da alcune riprese effettuate da Lorenzo Ricci nell’inverno 2017 nel corso di un sopralluogo presso le rovine dal futuro del mai-completato Ospedale Psichiatrico di Viterbo, il cui cantiere fu dismesso più o meno a margine dell’entrata in vigore della Legge Basaglia (1978).

Davide Ghaleb Editore

« | »