C&P Adver
Grafica · Comunicazione · Web · Artwork
Dal 1986 lavoriamo per creare identità forti
Visita il sito C&P Adver
C&P Adver
Presentazioni dei libri, notizie, recensioni
Visita il blog Effigi

€ 15,30

18,00

15% di sconto Spedizione gratis

Silvano Polvani

Ribolla 1954-2014

2014

Prezzo
18,00 €
Collana
Archivi riemersi
Pagine
240
Formato
24,0 x 22,0 cm
Legatura
Brossura con alette
ISBN
978-88-6433-414-1

A 60 anni dalla strage di Ribolla si riafferma il valore della memoria con questo libro che ripercorre la tragedia mineraria nella cronaca dei quotidiani

Ribolla 1954-2014

Ribolla 1954-2014

La tragedia mineraria nella cronaca dei quotidiani

Questo libro ci consente di tornare a riflettere su come il lavoro, quando è un “qualsiasi lavoro”, quando è privato dei diritti, quando è piegato esclusivamente alle spietate leggi del profitto e della produttività a qualsiasi costo, non rappresenta più uno strumento di libertà e realizzazione di se stessi all’interno di una società. Ma diventa uno strumento attraverso il quale umiliare la dignità di un’esistenza.
Questo libro ci aiuta a ricordare. E a non dimenticare.

Susanna Camusso, Segretario Generale CGIL

Sulla storia e le condizioni di vita dei minatori nella maremma e, in particolare sulla strage di Ribolla, si è scritto molto nel passato e le fonti documentali esistenti consentono per chi ha interesse alla storia del lavoro nella nostra provincia una buona conoscenza di quei tragici fatti. Perché allora la CGIL di Grosseto ha chiesto a Silvano Polvani di scrivere un altro libro su questa tragedia?

Per riaffermare il valore della memoria.

Quest’anno ricorre il 70° anniversario dalla liberazione dal nazi fascismo ed il 60° dalla strage di Ribolla; l’affrontare insieme i preparativi per le commemorazioni ha reso naturale l’emergere di inquietanti parallelismi: siamo un Paese nel quale spesso si tende a trovare scorciatoie e a non voler fare i conti con i propri comportamenti e col passato. Così è stato con il fascismo, dopo di cui molti crimini efferati vennero sostanzialmente amnistiati per mille e un motivo. Lo è oggi, quando la memoria di scelte politiche devastanti per il Paese è durata un attimo, rimossa, amnistiata nel volgere di pochi mesi, tanto che oggi nessuno è almeno in parte responsabile della disastrosa situazione del Paese.

E lo è stato anche per la strage di Ribolla.

Claudio Renzetti

Archivi Riemersi

« | »