C&P Adver
Grafica · Comunicazione · Web · Artwork
Dal 1986 lavoriamo per creare identità forti
Visita il sito C&P Adver
C&P Adver
Presentazioni dei libri, notizie, recensioni
Visita il blog Effigi

€ 13,60

16,00

15% di sconto Spedizione gratis

a cura di Giuseppe Sani e Francesco Serafini

In miniera cresceva il pane

2018

Prezzo
16,00 €
Collana
Archivi riemersi
Pagine
288
Formato
16,5 x 24,0 cm
Legatura
Brossura
ISBN
978-88-6433-899-6

Lettere dei minatori licenziati dalla Società Monte Amiata dopo l’attentato a Togliatti

In miniera cresceva il pane

In miniera cresceva il pane

Lettere dei minatori licenziati dalla Società Monte Amiata dopo l’attentato a Togliatti

Il volume, curato da Giuseppe Sani e Francesco Serafini ci introduce con dovizia di documenti e foto alle conseguenze che sul piano sociale ed economico si verificarono ad Abbadia San Salvatore dopo l’attentato a Palmiro Togliatti.

Si tratta di un aspetto inedito finora scarsamente indagato dai tanti libri e saggi dedicati all’argomento, che le lettere e le suppliche dei minatori licenziati dalla Società Monte Amiata riportano oggi alla nostra attenzione.

L’azienda mercurifera approfittò della repressione scatenata dal ministro dell’Interno Mario Scelba per attuare un pesante e discriminatorio progetto di ristrutturazione industriale.

Dalle lettere dei minatori e dei loro familiari emerge, assieme ad uno spaccato sociale di acuta indigenza, anche la tenacia e la dignità di una categoria, i minatori dell’Amiata appunto, che non si vollero rassegnare all’iniquo licenziamento perché nel faticoso e rischioso lavoro in miniera vedevano in ogni caso la loro vita e “crescere il loro pane”.

Archivi Riemersi

« | »