C&P Adver
Grafica · Comunicazione · Web · Artwork
Dal 1986 lavoriamo per creare identità forti
Visita il sito C&P Adver
C&P Adver
Presentazioni dei libri, notizie, recensioni
Visita il blog Effigi

€ 17,10

18,00

5% di sconto Spedizione gratis

a cura di Pietro Clemente, Paolo De Simonis

Visibili tracce

2011

Prezzo
18,00 €
Collana
Microcosmi del vedere
Pagine
152
Formato
22,0 x 24,0 cm
Legatura
Brossura con alette
ISBN
978-88-6433-178-2

Gli attuali problemi del mondo delle campagne e la storia dei contadini nell'Unità italiana: un libro sia attuale che storico, e soprattutto un libro fotografico interessante e bello.

Visibili tracce

Visibili tracce

Civiltà della terra in Toscana nei 150 anni

Fotografie di Giovanni Santi

Visibili tracce, un dialogo tra immagini e parole, non un’indagine sociale o l’analisi quasi didascalica di una particolare realtà, ma presenze, tracce vitali, volti, paesaggi umani.

Tra antropologia e fotografia si delineano profili di una campagna  e dei suoi antichi abitanti, contadini, uomini della Resistenza, che  ancora oggi non lasciano la loro terra, le loro abitudini e della terra hanno fatto e fanno la loro vita.

Figli di una Toscana che sulla terra ed il suo lavoro fonda la propria storia, di una realtà che fino a tempi molto recenti basava la sua economia sulla mezzadria, di cui ancora oggi si respirano gli odori e se ne gustano i sapori che furono.

A 150 anni dall’unione d’Italia, evento che porta rinnovati impulsi alla Storia e alle sue memorie, scrivere una storia sulla Toscana , significa riscoprire quei tratti che ne disegnarono le sorti, i paesaggi, le rotonde colline e i la sua gente.

Un paesaggio che non è soltanto da cartolina,  l’incantevole scenografia di spot pubblicitari, o lo sfondo suggestivo della scena di un film, ritrarlo in bianco e nero, così come lo osserviamo in“ visibili tracce” significa poterne percepire il lavoro, il senso della profondità, i solchi di storiche vangature, i tratti più antichi che ancora oggi rimangono a testimonianza di un tempo che non ha trasformato questa terra nel suo valore più grande, più autentico.

Un popolo che fu anche di carbonai, contadini, minatori, barrocciai della Montagna, che dall’Amiata fecero udire la propria voce sotto la guida di Davide Lazzaretti, costituiti come movimento religioso a carattere di solidarietà sociale.

Una storia che passa anche dalle lotte contadine che a partire dal 1902, con lo sciopero dei mezzadri a Chianciano, hanno contrassegnato il novecento toscano. Poi la storia passò dalle grandi case coloniche, nella forma della Resistenza armata al fascismo e al nazismo che chiese spesso aiuto ai contadini. Gli intellettuali impararono da loro a vivere in montagna e molti contadini morirono per aiutare i ribelli. La Storia della Toscana passa anche da questi uomini, quegli stessi occhi, quelle stesse rughe, quelle espressioni sono rimaste come tracce indelebili nei volti dei contadini di oggi, di coloro che alla terra sono rimasti indissolubilmente legati, radicati come alberi nella memoria.

Microcosmi del vedere

« | »